9 settembre 2016

Recupero, riciclo ed ecosostenibilità, negli ultimi anni sono diventate le parole d’ordine! Sempre più persone, infatti, acquistano prodotti recuperati o riciclabili, anche a costo di spendere qualcosa in più e, inoltre, manifestano molto più interesse all’argomento, documentandosi su riviste e siti web specializzati sull’argomento.

Uno tra i prodotti maggiormente utilizzati nei meccanismi di riciclo è la plastica. Piatti, bicchieri, componenti per auto, abiti, borse, scarpe e pellicole per film, grazie al riciclo possono trasformarsi in prodotti del tutto nuovi. Per molti sta diventando una mission aziendale, infatti sono sempre più le imprese che puntano sull’ ecosostenibilità come un valore aggiunto, facendola diventare un elemento distintivo del proprio operato. Questo fenomeno è in atto in diversi campi, ma è dalla moda che parte la sfida.

Javier Goyaneche è il fondatore di Ecoalf, azienda di moda spagnola che produce abiti ricavati al 100% dal riciclo della plastica. Quest’ultimo si è accordato con i pescatori della Comunità Valenciana che, oltre al pesce, in mare raccolgono anche tonnellate di rifiuti, per recuperare tutta la plastica al fine di inviarle al riciclo per diventare abiti. Dopo aver differenziato la plastica, si sceglie il materiale in condizioni migliori, la si divide per colore e, una volta raggiunte le 15 tonnellate, si inizia la lavorazione. La plastica viene triturata e trasformata in scaglie molto sottili dalla quale si ottiene un polimero di migliore qualità, quest’ultimo viene lavorato con appositi macchinari che lo sciolgono, viene poi trasformato, grazie ad un ugello, in filato bollente e, infine, un getto d’acqua gelido lo renderà utilizzabile per i telai che lo trasformeranno in stoffa.

Ma ora il quadro si è largamente ampliato, infatti sono state scoperte tante altre materie adatte ad un percorso di riciclo e trasformazione, tra cui il nostro amato caffè! I fondi e gli scarti della lavorazione del caffè uniti a polimeri recuperati, possono infatti dare vita a tessuti dai bellissimi e particolarissimi colori sahariani. La produzione è in corso e Ecolaf, a Taiwan, sta già realizzando la prima collezione di moda con abiti realizzati dal riciclo di plastica e caffè. Le polveri del chicco nero mischiate ai polimeri forniscono numerose caratteristiche al prodotto finale, oltre alla colorazione, i tessuti sono anti UVA, traspiranti e le stoffe permettono un’asciugatura più veloce.

Fonte Immagine: ecoalf.com

Leave A Comment